Configurazione di una rete con linux.


In Questo mini HowTo voglio dare in linea di massima alcune dritte
sulla teoria che sta alla base di una configurazione di rete su
linux.
Innanzi tutto intendo per Rete un collegamente tra due o più
PC tramite cavo. In particolare una rete LAN.

Nel PC deve essere installata una scheda di rete e devono essere
già installati i relativi driver. Cioè il sistema
operativo deve essere già in grado di configurarla.

Nella maggior parte delle attuali distribuzioni di linux la configurazione
avviene al momento della rilevazione della scheda, il che facilita
le cose, ma il mio obbiettivo è quello di rendere disponibile
un metodo semplice per modificare al volo una configurazione preesistente.
(i tool per la rilevazione dell’hardware sono molteplici, uno per
tutti Kudzu attualmente distribuito cn RedHat)

Come tutti i dispositivi in linux anche la scheda di rete può
essere montata o smontata on the fly, infatti nel comando ifconfig
è possibile specificare il parametro up o down che
indicherà lo stato montato o smontato. (attiva/disabilitata).

Tutte le periferiche che riguardano le reti ethernet sono chiamate
“eth” se si possiede più di una scheda (esempio
classico firewall o router) le schede avranno nome “eth0”
ed “eth1” esattamente come avviene per le partizioni dell’harddisk
(per saperne di più consultare Struttura e file System di Linux e Le periferiche di massa per linux nella sezione HowTo – Varie)

Nella directory /dev/ (dove sono elencate tutte le periferiche
che potrebbe avere il vostro pc) compaiono anche le directory delle
vostre periferiche di rete proprio con i nomi di eth0, eth1 …

Per visualizzare lo stato delle periferiche di rete utilizzare
il comando ifconfig senza nessun parametro, vi
verranno date tutte le indicazioni delle vostre periferiche di rete
comprese le connessioni dette di DialUp o ppp (point to point)

Per configurare la scheda di rete esistono molteplici metodi, come
i comandi shell ifconfig e route oppure
tramite programmi eseguibili a finestra come linuxconf
o netconfig o addirittura webmin
che è un’interfaccia via web oppure ancora editare direttamente
i file di script per la configurazione della rete.
Esaminiamo quest’ultima alternativa:
Tra le varie directory di linux troverete /etc/sysconfig/ che contiene
le principali configurazioni del vostro sistema, attenzione a non
metter mano ove non sapete, linux è stabile ma non invincibile
contro l’utente :-)
Il file network in questa directory contiene le principali configurazioni
per il networking come hostname, domain name, default gateway. esempio
di configurazione base:

networking=yes ;attiva i servizi di networking in caso fosse
impostato a no la vostra scheda di rete sarà disabilitata
hostname=eternit ;nome che avrà il computer sulla
rete
gateway=192.168.0.254 ;IP a cui verranno indirizzatte tutte
le richieste di indirizzi che non appartengono alla propria classe

Le singole interfaccie di rete invece sono contenute nella cartella
/etc/sysconfig/network-script/ anche qui dobbiamo prestare molta
attenzione, alcuni script sono fatti per funzionare da soli all’accensione
del sistema, mentre altri sono dipendenti da altri programmi, il
file da modificare nel caso in cui voleste configurare la scheda
eth0 è ifcfg-eth0 dentro a questo file ci
sono vari parametri come l’id della sottoclasse di rete a cui apparteniamo,
l’ip vero e proprio della scheda di rete, la subnetmask.

Se invece volessimo configurare il server dns del nostro client
dobbiamo rivolgere la nostra attenzione al file /etc/resolv.conf,
il file conterrà i seguenti paramentri:

nameserver 10.0.0150 ;IP del DNS server primario
nameserver 192.168.1.10 ;IP del DNS seerver secondario
domain nomedominio.it ;nome del dominio a cui appartiene
il nostro PC
options timeout:6 ;impostazione del timeout a 6 secondi
per l’interrogazione del server DNS nel caso non risponda il primo
si rivolge al successivo

Modificati questi parametri nel sistema basterà riavviare
il servizio di rete o riavviare le macchina.

Passiamo ora ad alcuni comandi shell::

cat /etc/sysconfig/network
Visualizza le informazioni relative la rete

ifconfig
Visualizza tutte le interfaccie di rete e le relative impostazioni
se attive

ifconfig eth0 up
Attiva l’interfaccia eth0 se viene specificato down la disattiva

ifconfig eth1 192.168.0.111 netmask 255.255.255.0
Imposta la configurazione della scheda eth1 con IP 192.168.0.111
e sotto maschera di rete di classe C

route -n
Visualizza le attuali impostazioni di routing

route add -net 213.114.82.64 netmask 255.255.255.224 gw 192.168.0.254
Imposta un ordine di ricerca tale per cui tutte le richieste
fatte per la sotto classe di 16 ip con id 213.114.82.64 vadano verso
il gateway 192.168.0.254

route add -net 0.0.0.0/0 gw 192.168.0.254
Imposta il default gateway verso 192.168.0.254

Uno qualsiasi di questi comandi shell deve assolutamente essere
esguito dall’utente root, quindi aprite una shell col vostro utente,
poi digitate su e premete invio, digitate la password ed avrete
tutti i diritti di root.
Rimane soltanto che riavviare il servizio di rete per rendere efficaci
le nostre modifiche, a questo proposito questo comando fa il nostro
gioco:

/etc/init.d/network restart
Questo comando l’ho testato su RedHat 7.x e 8.0, potrebbe succedere
che la vostra distribuzione abbia i file un po’ spostati rispetto
alla redhat, potreste ad esempio trovarlo in questo modo:
/etc/rc.d/init.d/network
Passando i parametri start o stop al posto di restart sortiremo
l’effetto di far partire o formare il servizio di rete.

Configurazione di una rete con linux. ultima modifica: 2003-01-13T00:00:00+00:00 da Enrico

Related Posts

Comments are closed.