Guida a Concky il system widget – Cervellinux


Sicuramente conoscete uno tra i più usati System Monitor per Linux: Conky. Leggerissimo, efficiente, configurabile al massimo è un tool immancabile tra la nostra suite di applicazioni. Monitora la banda; i processori, nell’uso e nella temperatura; la capienza dei dischi; può interagire con i nostri media player preferiti; monitora la ram e lo swap, ovviamente. Se volete ulteriori informazioni qui troverete il sito ufficiale.

A seguire qualche screenshots prelevato dal sito ufficiale e di come potrebbe essere il vostro Conky.

 

Qui invece, direttamente il mio Desktop con Conky che, adesso, torna a integrarsi quasi perfettamente col desktop in Ubuntu Gutsy 7.10.

E qui il particolare di Conky in alto alla destra del mio Desktop.

Bene! Se volete provarlo è semplice da installare: da terminale date il solito

sudo apt-get install conky

ed è fatta. Per avviarlo da terminale scrivete un semplice conky

Per configurarlo dovete modificare, a vostro piacimento, il file .conkyrc che si trova nella vostra cartella home /home/nome-utente Per visualizzare il file (poichè rinominato col punto davanti diventa invisibile) una volta nella vostra cartella home cliccate ctrl-h e saranno visualizzati tutti i files nascosti (cioè cl nome preceduto da un punto) tra cui il vostro .conkyrc. Modificatelo col vostro editor di testi preferito. Ad ogni salvataggio riavviate conky.

Ora c’è da dire che, con il passaggio a Ubuntu 7.10 e con installato Compiz-fusion, il nostro bravo conky ha riscontrato dei problemi: sfarfallii, scomparsa delle icone del desktop, scomparsa dello stesso conky o piazzamento davanti a tutte le finestre, in primo piano, impedendo di lavorare.

In un momento di pausa ho rivisitato il mio file .conky e ne sono venuto a capo. Vi riporto il contenuto del mio file .conkyrc così che possiate modificare il vostro a seconda dei parametri corretti. Le righe importanti sono marcate in rosso per evidenziarne le proprietà.

—————————————————————————————————–

#Conky sample configuration
#
# the list of variables has been removed from this file in favour
# of keeping the documentation more maintainable.
# Check http://conky.sf.net for an up-to-date-list.

# set to yes if you want Conky to be forked in the background
background no

# X font when Xft is disabled, you can pick one with program xfontsel
font 5×7
#font 6×10
#font 7×13
#font 8×13
#font 9×15
#font *mintsmild.se*
#font -*-*-*-*-*-*-34-*-*-*-*-*-*-*

# Use Xft?
use_xft no

# Xft font when Xft is enabled
xftfont Bitstream Vera Sans Mono:size=6

# Text alpha when using Xft
xftalpha 0.8

# Print everything to stdout?
# out_to_console no

# MPD host/port
# mpd_host localhost
# mpd_port 6600
# mpd_password tinker_bell

# Print everything to console?
# out_to_console no

# mail spool
mail_spool $MAIL

# Update interval in seconds
update_interval 1.0

# This is the number of times Conky will update before quitting.
# Set to zero to run forever.
total_run_times 0

# Create own window instead of using desktop (required in nautilus)
own_window yes

# If own_window is yes, you may use type normal, desktop or override
own_window_type override

# Use pseudo transparency with own_window?
own_window_transparent yes

# If own_window_transparent is set to no, you can set the background colour here
own_window_colour 4A708B

# If own_window is yes, these window manager hints may be used
own_window_hints undecorated,below,sticky,skip_taskbar,skip_pager #(a questa riga ho tolto il commento iniziale – per commento si intende il “#” iniziale che disattiva il comando del contenuto della riga stessa)

# Use double buffering (reduces flicker, may not work for everyone)
double_buffer yes

# Minimum size of text area
minimum_size 280 5

# Draw shades?
draw_shades yes

# Draw outlines?
draw_outline no

# Draw borders around text
draw_borders no

# Draw borders around graphs
draw_graph_borders yes

# Stippled borders?
stippled_borders 1

# border margins
border_margin 4

# border width
border_width 1

# Default colors and also border colors
default_color FFDAB9
default_shade_color black
default_outline_color black

#Text alignment, other possible values are commented
#alignment top_left
#alignment top_right
#alignment bottom_left
#alignment bottom_right
#alignment none

# Gap between borders of screen and text
# same thing as passing -x at command line
gap_x 1130 # Queste due cifre sono le coordinate in ascisse e ordinate di dove andrà a collocarsi sullo schermo il vostro conky
gap_y 600

# Subtract file system buffers from used memory?
no_buffers yes

# set to yes if you want all text to be in uppercase
uppercase yes

# number of cpu samples to average
# set to 1 to disable averaging
cpu_avg_samples 2

# number of net samples to average
# set to 1 to disable averaging
net_avg_samples 2

# Force UTF8? note that UTF8 support required XFT
override_utf8_locale no

# Add spaces to keep things from moving about? This only affects certain objects.
use_spacer no

# Allow each port monitor to track at most this many connections (if 0 or not set, default is 256)
#max_port_monitor_connections 256

# Maximum number of special things, e.g. fonts, offsets, aligns, etc.
#max_specials 512

# Maximum size of buffer for user text, i.e. below TEXT line.
#max_user_text 16384

# variable is given either in format $variable or in ${variable}. Latter
# allows characters right after the variable and must be used in network
# stuff because of an argument
# stuff after ‘TEXT’ will be formatted on screen
##Da qui in poi scegli tu i tuoi paramentri e colori

TEXT
Nome Macchina: Nome Vostra Macchina ${color #BFEFFF}
${color #82E0FF}$machine: Potenza vostra CPU

${color #E26200}Distribuzione: Vostra distribuzione
${color #54FF9F}Vers. Linux Kernel $kernel
${color #BFEFFF}$stippled_hr

{color lightgrey}Tempo d’uso del Sistema:$color $uptime ${color lightgrey}

${color lightgrey}Uso del Core 0:${color #00C200} ${cpu cpu1}% ${cpubar cpu1}

{color lightgrey}Uso del Core 1:${color #0060A0} ${cpu cpu2}% ${cpubar cpu2}
${color lightgrey}${cpugraph 0000ff 00ff00}
${color lightgrey}Impiego di RAM:${color #E26200} $mem/$memmax – $memperc% ${membar}

{color lightgrey}Uso del file di Swap:${color #CDAD00} $swap/$swapmax – $swapperc% ${swapbar}

$color$stippled_hr

${color lightgrey}Rete Internet:
Down:${color #54FF9F} ${downspeed eth0} k/s${color lightgrey} ${offset 80}Up:${color #FFFF00} ${upspeed eth0} k/s
${color #54FF9F}${downspeedgraph eth0 32,150 ff0000 0000ff} ${color #FFFF00}${upspeedgraph eth0 32,150 0000ff ff0000}
${color lightgrey}File systems: Ext3 Linux
/ $color${fs_used /}/${fs_size /} ${fs_bar /}

 

${color lightgrey}Disco Dati: Fat32
/ $color${fs_used /media/sdb1}/${fs_size /media/sdb1} ${fs_bar /media/sdb1} # voi, ovviamente inserite il percorso del vostro disco di dati e, se volete, potete anche fare “copia e incolla” del parametro per aggiungere un controller per un altro disco. E così per quanti dischi volete monitorare.
—————————————————————————————————–

Ovviamente tenete conto che il file è configurabile sia per uno che per due core e si configura anche nei colori a vostro gradimento. Per altre informazioni sulla configurazione fate riferimento al sito del produttore che illustra modalità ulteriori di configurazioni.

L’unica cosa che non si riesce a risolvere (al momento) è l’autoavvio. Se infatti in sessioni metto conky come comando per l’autopartenza al boot del sistema, salta tutta la configurazione e ritorna a impiantarsi in primissimo piano sulle altre finestre di lavoro. Se invece si fa partire a mano (magari creando un tasto sulla barra o sul desktop) dopo che tutti i programmi sono stati avviati, il nostro conky è perfetto.

Appena ho un po’ di tempo vedo se riesco a inserirlo nel runlevel al posto giusto al 99 posto. Oppure provo con uno scriptino di partenza in bash. Se intanto qualcuno più illuminato di me, ha delle proposte sull’autopartenza… è benvenuto.

Questo post fa parte dell’iniziativa Ubuntu ed il signor Cervellinux s’è meritato i suoi adesivi per tastiera

Guida a Concky il system widget – Cervellinux ultima modifica: 2008-04-17T17:44:43+00:00 da Enrico

3 Comments.

  1. Carino, peccato che salti a piè pari tutto il mondo RPM e provare a installarlo dai sorgenti su sistemi RH derived nn è semplice come un yum install conky :D

    Me lo segno, magari presto verrà colmata questa mancanza :D

  2. sinceramente lo spero pure io

  3. Per l’avvio automatico, ho semplicemente inserito la chiamata tra i programmi che partono all’apertura della sessione.