Il nuovo server


c00522360.jpgNell’azienda per cui lavoro abbiamo acquistato un nuovo server per far fronte al servizio di posta. Ciccino cicciotto!

Ormai tutte le case produttrici, per tutte le fasce di server escluse le entry level, propongono una macchina con M/B, processore, alimentatore e la RAM base, dato questo punto di partenza puoi costruirti il tuo server.

La scelta è caduta su un HP Proliant ML 350 G5 che è Quad-Core Intel® Xeon®.
Ma ecco la lista della spesa:

  • 4 Gb di RAM
  • 5 HDD SATA Hot Plug da 500 Gb (totale 2.5 Tb)
  • Alimentatore aggiuntivo rindondante Hot Plug
  • Ventole di raffreddamento interne aggiuntive
  • Scheda di rete aggiuntiva

Eccolo che è arrivato in siffata forma:

Io che sono fondamentalmente rimasto bambino, apro gli scatoloni come se fosse il giorno di natale…. e soooorpresaaaaaaaaa, m’hanno regalato la caserma dei pompieri della lego.
Costruire un server infatti è proprio come costruire qualcos coi lego, incastri semplici, un solo modo per mettere il connettore A nella porta B, tutto va al suo posto in un lampo.

I 4Gb di RAM:

I 2.5 Tb (TERABYTE!!!!) di Hdd SATA (5 da 500 Gb l’uno):

Ventoline aggiuntive per raffreddare tutto quello sbanderno di dati:

Alimentatore aggiuntivo hot plug:

Tutti insieme da montare:

Facciamo una carrellata sulla macchina che si presenta molto bene costruita, molto pulita sia come cavetteria che come ordine del materiale interno. Le ventoline aggiuntive sono un pochetto rognosette da installarema una volta capito il verso e la direzione in cui vanno incastrate…. vanno al loro posto con un click.
Gli harddisk hot plug sono proprio semplicissimi da installlare, basta infilarli ed incastrare il grilletto, una goduria. Altrettanto facile è l’installazione dell’alimentatore aggiuntivo.
L’unica operazione realmente delicata è l’installazione della RAM aggiuntiva, questi banchetti di memoria sono posizioni sotto ad un convogliatore d’aria, basta toglierlo ed installare i banchetti nuovi, la RAM acquistata, con grande sorpresa, è dotata di dissipatori d’alluminio.

Il sistema operativo è andato su in 20 minuti, creando l’array di dischi in raid 0 più un disco spare, per un totale disponibile di 1 terabyte, il sistema installato è Windows 2003 R2 32 bit (purtroppo).
La cosa bella è che la macchina è vramente molto prestante, e nonostante lo sbanderno di spazio su disco le prestazioni non ne risentono. Abbiamo fatto delle prove che c’hanno soddisfatto, le prove di disastro, cioè stacchi la spina al volo, stacchi gli hdd al volo, insomma simuli dei possibili problemi.
Solitamente con un alimentatore rindondante, quando se ne stacca uno, partono le ventole soffiando a più non posso, in questo caso invece abbiamo notato una silenziosità inaudita, quasi come se non volesse disturbare.
L’array di dischi è eccezionale, staccando un disco qualsiasi entra subito in funzione il disco spare, replicando i dati, staccandone un’altro, in deficenza di 2 dischi, il server non accusa nessun rallentamento.

Davvero un bell’acquisto, mi piace ed il costo non è esorbitante, siamo sull’ordine di 4 o  5 mila euro.

Il nuovo server ultima modifica: 2007-12-17T13:13:28+00:00 da Enrico

9 Comments.

  1. Macchina interessante, poi io ho un debole per i server HP!

  2. Sei un garzone, il pc di casa ha 500*3+320*2+250 giga di storage :-)

    ma come mai windows a 32 bit ?

  3. hehehe il tuo pc da casa però non ha gli hdd hotplug
    huhuhuhuhu

    grazie per la domanda su come mai 32 bit…
    molto semplice

    HP ti vende in versione OEM soltanto win2k3 standard 32bit, se vuoi la 64bit devi comprarla completa…. costa circa 1500 euro.

    siccome su quel server ci va sopra Lotus Domino non ne vale la pena.
    Avrei preferito una RedHat enterprise…. ma …. ciccia!

  4. chi se ne frega dell’hot plug, tanto io il pc lo posso spengere…

    :-)

    t’e’ toccato windows, ma non si puo’ vincere sempre…

  5. ma tu sei sicuro di avere un raid 0 e di poter staccare un disco? perché se è così mi sa che hai creato un nuovo protocollo raid

    sul fatto poi che staccando due dischi il baraccone continui ad andare, ho qualche altro dubbio, poi che non rallenti affatto…

  6. Ciao gino,

    Certo, Raid 0+1
    Il mirror di 2 stripe:
    – Stripe di 2 dischi
    – Stripe altri 2

    il mirror di quelli sopra

    http://it.wikipedia.org/wiki/RAID#RAID_0.2B1

    ed uno spare che si piglia in automatico alla bisogna.

    Per le prove fatte non ho fatto il video, mi dispiace, la macchina comunque doveva andare in produzione ed in fretta, come al solito

    Capisco i tuoi dubbi ma con 2 dischi staccati, ti assicuro che la macchina continua tranquillissimamente ad andare e non rallenta.
    Magari se ne stacco 3 potrei capire che si pianti… insomma 3 su 5 è sfiga grossa.

    mbhà questi interventi a volte non li capisco…

  7. che ci posso fare se non capisci gli interventi, cercavo di chiarirmi le idee, non che tu sia stato cristallino nel post, certo io ho letto velocemente e non ho fatto mente locale al calcolo di capacità diviso per due + disco di spare, ma tu non hai scritto da nessuna parte che hai fatto uno 0+1
    e grazie al cappero che non rallenta, l’hai messo in mirroring, adesso che hai chiarito che hai fatto, di dubbi non ne ho… di ml350 ne ho un paio, so come funziona quel cassone… preferisco il 380: in metà spazio ci può mettere dentro il doppio dei dischi

  8. capisco, dipende sempre da che disponibilità hai, con un budget di 5k euro ti rimane poco da scegliere per arrivare ad un terabyte in sicurezza.

    bella bestiola il 380.