Installazione di Windows con Linux


Non è assolutamente un Binomio impossibile, anzi! Potreste

addirittura avere più versioni di linux che coesistono

con più versioni di Windows :-) Ma noi cominceremo dalle

cose semplici.

Partiremo con un’installazione di una macchina che già

possiede Windows (in una qualsiasi delle sue versioni), la prima

cosa da fare è dotarvi di spazio su disco, Linux necessita

di una partizione tutta sua, a tal proposito vi consiglio di utilizzare

il programma della Quest Partition Magic oppure il programma Fips,

entrambi abbastanza conosciuti, purtroppo Fips non è molto

semplice da utilizzare, anche se è gratuito non è

proprio la soluzione da utilizzare per i meno esperi.

Potete anche dotarvi di un harddisk aggiuntivo, linux non fa

molte differenze :-)

A questo punto avendo una partizione con Windows Installato ed

una completamente vuota fate partire il computer con il CD di

linux (io utilizzerò una Red Hat 8.0) nella distribuzione

che preferite.

Partita l’installazione vi chiederà per qualche secondo

che tipo di installazione effettuare: Grafica, Testuale o Per

Esperti, Grafica basta premere invio, Testuale bsta scrivere “text”

e premere invio e per Esperti basta scrivere “Expert”

e premere invio.

Se lasciate passare 5 o 6 secondi partirà in automatico

la più facile: la Grafica.

Subito il sistema caricherà un mini kernel e cercherà

di far partire la scheda grafica in modalità abbastanza

scarsa da essere compatibile con tutte le schede grafiche. Prima

di tutto vi verrà chiesto la lingua, il paese, l’orario

e che mouse avete, diciamo che queste cose le si sanno. Vi viene

poi chiesto che tipo di installazione effettuare … i tipi sono

sempre i soliti: Server, WorkStation, Desktop, o personalizzato.

E’ abbastanza esplicito l’help che compare solitamente sulla sinistra,

credo quindi di non dover aggiungere altro.

Al momento del partizionamento dell’hard disk siamo proprio quasi

alla fine. Le partizioni necessarie afficnhè linux funzioni

sono 2 una partizione di SWAP e una di boot con il mount point

su /.

La partizione SWAP deve essere del doppio della RAM del vostro

computer, cioè se avete 512 Mb la SWAP sarà di 1

Gb, 256 Mb di RAM prevedono invece 512 Mb di SWAP, non è

assolutamente necessario farne una più grande, non servirebbe

a nulla tranne che in alcuni casi a rallentare l’elaborazione

del computer, lo stesso vale per una partizione più piccola

del doppio della ram. Insomma la situazione ottimale è

proprio il doppio, provare per credere:-).

A questo punto basta specificare una partizione /, attenzione

a crearla abbastanza grande da contenere il sistema operativo,

ad esempio se creo una partizione / di 512 Mb ed una /home con

i rimanenti Mb disponibili il mio sistema operativo sarà

costrtoo a stare installato entro i 512 Mb, ricordate bene di

bilanciare le cose che servono con quelle inutili. Non fate il

mio errore :-)

Vi Vengono chieste le modalità video ottive in ambiente

grafico, caldamente viene richiesto di provarle e quindi confermarle,

ovviamente se poi non funzionano ed il vostro linux si avvia direttamente

in ambiente X (ambiente grafico), la vostra situazione non è

dele migliori.

Se volete sulla schermata della configurazione dello schermo potrete

decidere se avviare in automatico l’ambiente X, successivamente

spiegherò come cambiare questo paramentro che a volte può

risultare fastidioso.

L’installazione media di Linux richiede circa 800 Mb, non spaventatevi,

è tutto compreso, anche il buon caro vecchio Open Office

:-) e tutti i suoi componenti. Non ci resta altro che configurare

una password per l’utente Root e creare DA SUBITO un utente alternativo,

il nostro.

Spesso non viene creato l’utente alternativo e quindi si ha lapossibilità

di accede al computer solo tramite l’utente Root, Non è

proprio una bella cosa, visto e considerato che Root può

fare tutto col nostro sistema operativo, può persino disporre

delle partizioni dello stesso. I rischi utilizzando solo Root

sono notevoli.

Non mi ricordo più chi mi ha fatto capire che Root è

pericolo ma mi ricordo benissimo che ha detto “root è

DIO!” :-) questo vi da un’idea della sua pericolosità.

Adesso dobbiamo solo aspettare che l’installazione finisca prima

di formattare le partizioni indicare e poi di copiare e compilare

i file necessari al riavvio della macchina.

Nota: nel caso di un’installazione con soppio sistema operativo

vi viene chiesto quale destore del boot utilizzare, solitamente

o Grub o LILO, io dei due preferisco Grub che è più

bellino come grafica sebbene sia meno avanzato come configurazione.

Non c’è bisogno di nessuna configurazione con questi due

loader, fanno tutto da soli ed al prossimo riavvio il vostro sistema

vi chiederà quale Sistema Operativo Utilizzare

Installazione di Windows con Linux ultima modifica: 2002-11-30T00:00:00+00:00 da Enrico

Comments are closed.