I clienti di vecchia data, che brutta razza!


Telefonata intercorsa tra me ed un cliente  la settimana scorsa.

C – Ciao Enrico, come va?
E – Bene grazie, che è successo?
C – Niente ho un problema sul portatile.
E – …
C – Allora è successo che si è sconfigurato tutto!
E – (da solo?) ahn si?
C- SI!!!! e non sai quante bestemmie … BLA BLA BLA BLA e poi ho fatto BLA BLA BLA e m’è venuto fuori quest’errore che non riesco a capire.
E – … che errore è?
C – Uno di quelli col pallino rosso e su scritto errore. Hai presente?
E – (ma dai?) Hai tirato giù l’errore? cosa ti dice quando viene fuori?
C – No non l’ho scritto! orca mi spiace! ma il guaio è che non viene fuori sempre, ma sai… sono un po’ preoccupato!
E – eh sì chiaro! mi puoi dare altri “indizi”?
C – Non saprei, hai mica uno dei tuoi trucchetti da dirmi che controllo subito?
E – ehm… dunque guarda…. facciamo che la prossima volta che ti vien fuori l’errore lo scrivi e poi me lo detti al telefono, così ho qualcosa su cui lavorare… che dici?
C –  Ma se mi viene fuori mentre sto lavorando? e se scarico le foto dalla macchinetta BLA BLA BLA
E – Si ma se non mi dai basi su cui lavorare, la vedo dura eh!
C – Ahn ok, quando ti trovo a casa?
E – In pausa pranzo 1 ora, in pausa cena 2 ore ed in pausa letto 3 o 4 ore, tenedo conto che devo fare lavatrice, lavastoviglie e rassettare un attimino casa.
C – ahn capito, allora vengo a prendere il caffè domani per le 13.30?
E- MMMMMH giusto quando mi siedo a tavola per pranzare.
C – ok, allora facciamo che ti offro un’aperitivo verso le 19.00?
E – comodo! proprio quando sto inforcando la bistecca!
C – Dopo cena?
E – sono a lavorare!
C – Dopo lavoro?
E – Dormo.
C – Allora non ti trovo mai!
E – ….
C – Enrico?
E – Stavo ponderando se risponderti o meno… credo sia difficile, semmai possiamo trovarci per un caffè dopo cena, mi lasci il portatile e, a tempo perso (poco), ci lavoro dietro.
C – TE LO DEVO LASCIARE????
E – … si
C – Ma non puoi fare al volo?
E – ç°çé*ç@#!!! AL VOLO COSA? CHI? ma soprattutto … COME?
C – Non ti arrabbiare eh!
E – ok ok, adesso mi vuoi minacciare di andare da un altro come se fosse un piacere che fai tu a me …. ok ci sto!
C – Ma mi serve, devo lavorare!

Ho come un formicolio alla mano e sento che sta per cadere la linea.

E – Non ci sono alternative, devi separati dal tuo gioiellino per almeno un giorno.
C – Non me lo puoi ridare la mattina dopo, dai ti offro la colazione
E – Vedo cosa posso fare.

Io mi chiedo perchè!?!?!!!

Il problema base con questa razza è che non capiscono mai che magari non è il momento opportuno, tipo…. Enrico “come và?” è NOME E COGNOME, il mio cognome è come và, l’ho scoperto poco tempo fa, perchè nel giro di 2 ore con la stessa persona dall’altra parte del telefono, in 5 telefonate per sistemare un XP alla frutta, m’ha chiesto come và 5 volte e per 5 volte ho risposto una cosa completamente diversa, avrei potuto rispondere che stavo per cambiare il catetere al pesce pagliaccio… tanto non cambiava nulla, “come va?” non è una domanda è un cognome!

In secondo luogo, tu (io) non sei una persona, sei uno che sistema i computer, il guaio è che non sanno come, sicchè ti ritrovi con la nomea di saper fare tutto con la sola imposizione della voce! tu parli ed il pc improvvisamente funziona, ergo non serve che tu appoggi le tue dita su quella tastiera, basta che ti concentri e taaaac… come per mozilla funziona tutto!

Terzo luogo quando rispondi ad una telefonata di questo tipo devi capire fin da subito che tutte le tue resistenze saranno inutili, sia che tu dorma 1 ora al giorno, sia che tu abbia fatto 20 ore di macchina, sia che tu ti trovi in Burundi…. tu il suo PC lo DEVI ASSOLUTAMENTE sistemare… collegandoti in RDP, col telefono in UMTS GPRS col filo interdentale… non importa, dagli un’occhiata sennò … non sei più il sistematore del cuore!

Epilogo

Il cliente aveva un problemino con una dll di internet explorer 7, è bastato aggiornargliela, ma…. quanto ho lavorato?
20 Minuti per convincerlo a lasciarmi il pc, 3 ore per cercare di far venir fuori l’errore, 20 minuti al telefono per farmi spiegare più o meno quando viene fuori l’errore, 2 ore per cercare di nuovo l’errore e 5 minuti per sistemare la dll.

Percepito 1 caffè alla consegna del portatile, un bicchiere di prosecco alla riconsegna del pc sistemato e la promessa di una telefonata quando sarà ora di installare il server nuovo.

I clienti di vecchia data, che brutta razza! ultima modifica: 2008-11-04T00:44:05+00:00 da Enrico

7 Comments.

  1. Io quando facevo il Web Developer come autonomo ricevevo mail con, “il sito non funziona”. Vedi te.

  2. Sempre meglio di “perche’ il sito non funziona ?” che sottintende che sia colpa a tua.

    a me capita…

    Enrico “Come va'” ma non lo hai letto il post non mi ricordo se mio o di merlinox che parlava degli amici dei sistemisti ?

    una tragedia che reitera…

    sic

  3. si si ricordo benissimo il post.
    mi scoccia comunque!

  4. Io adotto da qualche tempo questa politica:

    We offer three kind of service
    GOOD – CHEAP – FAST
    You can pick any two
    GOOD service CHEAP won’t be FAST
    GOOD service FAST won’t be CHEAP
    FAST service CHEAP won’t be GOOD

    alla fine sono xx euri anche se al telefono c’e’ mia madre o il peggiore dei clienti e anche se ci ho messo 1 minuto per risolverti il problema. Se poi vuoi anche offrirmi un caffè ben venga ma per me è lavoro e il lavoro lo paghi a parte. Ho diminuito le rotture di palle, i clienti sono sempre gli stessi e ne ho guadagnato in professionalità.

  5. heheh l’avevo già sentito il metodo, direi che è ottimo!

  6. scusa ma nn ho potuto fare altro che buttarmi per terra e sghignazzare minchia che vita che fate :-)

  7. @adry almeno suscita ilarità … vabbè dai mi accontento