Conoscenze di base per le reti estese WireLess


Cos’é il Wireless?
Il Wireless é una nuova tecnologia che può aiutare nella comunicazione tra computers distanti. Si basa su schede Wireless con un TX/RX che opera sui 2.4 GHz, mentre l’interfaccia dal lato software é di tipo Ethernet, con un indirizzo fisico diverso per ogni scheda nel mondo detto MAC address. Le potenze di trasmissione tipiche sono 10-20 mW fino a 100mW (vedi standard IEEE 802.11 e FCC/CEPT licenze).

Qual’é la massima distanza tra le schede radio?
Il requisito più importante, nelle comunicazioni Wireless, é la visibilità senza ostacoli delle antenne: e’ necessario “vedere” l’altra antenna (a occhio nudo o con un binocolo) o al massimo é concesso un piccolo albero come ostacolo.

La distanza dipende dall’antenna (eventualmente amplificata): 2-300 metri con una omnidirezionale; 1 km con direttiva; 2-3 km con omnidirezionale amplificata (200mW); alcuni km con parabola. 50-60 km con parabola o direttiva ampificata (alcuni Watts).

Attenzione che non é sempre legale amplificare schede Wireless, in quanto potresti violare le specifiche dell’ FCC (America) o del CEPT (Europa) o quelle del proprio stato.

Qual’e’ la differenza tra schede classiche e schede Wireless?
Le schede classiche sono molto semplici da configurare (almeno a livello fisico). La configurazione delle reti Wireless risulta invece molto complessa come anche la loro gestione e relativo debugging… I tipici problemi di installazione hardware, software, debug e cosi’ via diventano critici in ambiente Wireless:

Devi scegliere la giusta scheda Wireless: ce ne sono si svariati tipi, di svariati rivenditori e con diversi requisiti. Se vuoi creare una piccola rete LAN/WAN devi comprare schede Wireless compatibili IEEE 802.11 con un Access Point.
E’ necessario testare le schede con 2 sistemi funzionanti e opportunamente configurati, all’inizio vicini, poi via via sempre piu’ lontani.
Dovresti testare la configurazione in ogni condizione climatica (tipicamente pioggia).
Se tutto funziona puoi essere soddisfatto, rilassarti e goderti il pc sul divano!
Se installi un ripetitore (macchina Linux con diverse schede Wireless e Wired) potresti avere dei problemi editando la sua configurazione a distanza.

Cosa devo sapere per configurare una rete Wireless?
Ci sono un certo numero di requisiti minimi.

requisiti software:
Conoscenze generice di reti classiche: indirizzi IP, netmask, routing… ;
Conoscenze specifiche di reti classiche: proxy arp, bridging, file system proc ….;
Conoscenze di base delle reti Wireless: concetti di modalita’ di accesso (ADHOC, INFRASTRUCTURE and ACCESS POINT), di canale, terminologia outdoor and indoor e cosi’ via: puoi trovare tutto cio’ in ogni documento che tratta di Wireless: IEEE standard 802.11, CEPT, ecc.

requistiti non software:
Esperienza minima di antenne, loro montaggio e puntamento
Esperienza in installazione di schede su Pc con particolare attenzione nell’evitare le interferenze elettromagnetiche tra 2 differenti schede Wireless (nel caso sia richiesta l’installazione di più schede).

Infine quando avrete installato la vostra rete WAN e ne trarrete ogni vantaggio potrete sempre tornare a casa da vostra moglie che nel frattempo ha chiamato l’avvocato divorzista, allora tornate dai vistri genitori e scoprirete che sulle vostre foto hanno scrittto "Non pervenuto".
E se mentre passate davanti al vostro impianto dolby digital 7.1 surround con diffusori a battiscopa, vi accorgete che emette un leggero ronzio che aumenta se vi avvicinate e sparisce quando uscite… non preoccupatevi, fa parte dei rischi del mestiere.

Conoscenze di base per le reti estese WireLess ultima modifica: 2006-06-20T00:00:00+00:00 da Enrico

Related Posts

2 Comments.

  1. Ho sperimentato una connessione wireless per sfruttare un’adsl da un piano all’altro di un palazzo, quindi con un po’ di pi di un albero :-), e funziona perfettamente. In tutti i punti dell’appartamento anche quelli pi lontani!

  2. certo certo, ma il segnale ad ogni ostacolo viene abbattuto, soprattutto con antenne direzionali

    il max che sono riuscito a sperimentare un palazzo con 3 piani ed il segnale c’ da sotto a sopra, per nel punto pi lontano ed ovviamente pi comodo per mettersi a lavorare il segnale era a 0,5 mbits. non un granch.

    poi ho sperimentato un capannone fatto con dei materiali che usano anche per fare i bunker…. il segnale rimbalza all’interno del capannone … una cosa indicibile.

    certamente si pu attraversare i muri, ma non aspettiamoci prestazioni elevate, il segnale decade molto rapidamente appena al di l del muro